lunedì 17 gennaio 2011

La storia si ripete?



di Dario Campolo

Eccoci, si ricomincia dopo una lunga pausa.
Oggi non ho voglia di dilungarmi in soliti temi nauseanti e logorroici riconducibili al solito Re silvio ma ho voglia di citare uno scritto antico che nei secoli si ripete, ma spero vivamente che arrivi il momento dell'eccezione.

In queste sere leggendo alcuni libri mi sono imbattuto in un articolo del Giudice Scarpinato che ripercorreva la storia di Barabba e Gesù, mi sono come illuminato, ho pensato quanto è vero e quanto è ciclica la nostra civiltà e quindi ho pensato di ricordarla anche nel mio blog molto velocemente nella speranza di spezzare questa ciclicità.

"Come voi tutti sapete Gesù, prima di essere giustiziato, ha avuto un ultimo tentativo di salvezza quando accanto a lui, al tavolo degli imputati è spuntato un uomo chiamato Barabba che in quel momento si trovava in carcere per una sommossa scoppiata in città e per omicidio.

Alla famosa domanda di Pilato: "Chi volete che liberi, costui che trovo privo di colpe (Gesù) o il brigante Barabba?", la folla acclama a gran voce di liberare Barabba e di crocefiggere Gesù".

Nessun commento: