martedì 2 novembre 2010

Esplode il Partito dell'Amore




I vertici del Popolo delle libertà mettono Gianfranco Fini di fronte a un aut aut: "O confermi l'appoggio al governo o ti prendi la responsabilità' di una crisi" (leggi l'articolo). E la Lega arriva addirittura a minacciare una rivolta se caduto Berlusconi non si andasse subito al voto. Un fatto però è certo: l'esecutivo è ormai agli sgoccioli (leggi l'articolo). Anche perché l'inchiesta sul favoreggiamento alla prostituzione in cui compare il nome di Ruby si allarga. La procura di Palermo sta per trasmettere a Milano i verbali di una ex militante di Forza Italia arrestata per spaccio internazionale arrestata a luglio. La donna, fino al 2007 assistente di un parlamentare azzurro, ha parlato di serate a base di coca a cui partecipavano anche politici di primo piano a Milano, in Emilia Romagna e in Sicilia. E soprattutto racconta di una ragazza immagine (in realtà una escort) invitata alle feste di Arcore e Villa Certosa. Se ha ragione questo spiega perché la notte del 27 maggio il presidente del Consiglio sia arrivato a spacciare con la Questura di Milano la sua amica minorenne per una parente di Mubarak (leggi la relazione della polizia). E abbia mandato a prenderla la bella consigliera regionale Nicole Minetti (articolo di David Perluigi). Ruby infatti doveva essere liberata a tutti i costi. Il rischio che raccontasse tutto era troppo alto

ilFattoquotidiano.it

Nessun commento: