mercoledì 17 novembre 2010

Colpo al cuore dei Casalesi arrestato Antonio Iovine



CASAL DI PRINCIPE - Colpo al cuore della cosca di Gomorra: la polizia ha arrestato il latitante numero uno del temibile clan, Antonio Iovine, conosciuto con il soprannome di 'O Ninno.

Il capo della camorra era in fuga dalla giustizia da ben sedici anni ed era tra le priorità investigative nell'azione di contrasto alla criminalità organizzato. Il blitz è stato messo a segno dalla Squadra mobile di Napoli, dalla sezione Criminalità guidata dal vicequestore Andrea Curtale assieme ai colleghi di Caserta che seguivano da tempo le sue tracce.

IL NASCONDIGLIO - Si trovava in un covo di Casal di Principe, nella quinta traversa di via Cavour, in casa di un uomo considerato adesso un suo fiancheggiatore. In questi minuti l'ex primula rossa sta per essere trasferita alla questura di Napoli, in via Medina.

IL CURRICULUM CRIMINALE - Iovine ha quarantasei anni ed è già stato condannato all'ergastolo nel processone alla camorra chiamato Spartacus uno è implicato in indagini che rigaurdano almeno sei omicidi.

LA GIOIA DEL VIMINALE - "Oggi è una bellissima giornata per la lotta alla mafia, tra pochi minuti vedrete...". E' quanto ha affermato il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, conversando con i giornalisti a Montecitorio appena pochi minuti prima che arrivasse l'annuncio dell'arresto del boss Antonio Iovine, latitante da oltre 14 anni. Pochi minuti dopo la notizia della cattura del superboss.

repubblica.it

Nessun commento: