giovedì 28 ottobre 2010

Disabile preso a pugni per un graffio sull'auto

ROMA - Credeva che gli avesse rigato l'automobile e così lo ha aggredito prendendolo a pugni e colpendolo al viso più volte. Vittima a Roma un disabile di 38 anni che ha sporto denuncia ai carabinieri. L'aggressione è avvenuta mercoledì all'ora di pranzo, in via Agostino Mitelli, a Tor Bella Monaca, alla periferia della Capitale.

DAVANTI ALL'ASILO - La vittima, un disabile, stava aspettando il figlio fuori dall'asilo nido, intorno alle 13, quando, l'aggressore, 25 anni, incensurato, arrivato in auto, è sceso dal mezzo e lo ha colpito più volte al volto con dei pugni. Poi è fuggito. Il disabile, ricoverato nell'ospedale di Tor Vergata, ha riportato la frattura dello zigomo e giovedì sarà sottoposto a un intervento chirurgico. L'uomo rischia anche di perdere l'uso di un occhio. «Prendersela con un disabile è una vigliaccata», ha commentato il fratello dell'uomo aggredito che lavora a Multiservizi. «Mio fratello - ha aggiunto - al momento non può essere operato perchè ha la faccia troppo gonfia per le botte ricevute. Ora sta facendo degli accertamenti e potrebbe essere operato domani o sabato. Rischia di perdere l'uso di un occhio».

IL LITIGIO - Prima dell'aggressione i due, secondo quanto si apprende, avevano già avuto un litigio per motivi di viabilità, probabilmente per un parcheggio. Per questo motivo il 25enne, trovando l'auto rigata, avrebbe pensato che il responsabile potesse essere lui. L'aggressore, che non ha precedenti penali, lavora come magazziniere. I carabinieri della stazione di Tor Vergata ora ascolteranno i testimoni dell'aggressione. L'uomo, che a quanto riferito ha una disabilità motoria alle braccia per la quale riesce a muoverle parzialmente, è ricoverato al policlinico Tor Vergata con 40 giorni di prognosi. Il ragazzo denunciato si sarebbe allontanato dopo averlo colpito, ma rintracciato poco dopo si è recato in caserma.

«CHIEDO SCUSA» - «Mi dispiace per quello che ho fatto, sono rammaricato, andrò a chiedere scusa al ragazzo in ospedale». Queste le parole dette dal 25enne al comandante della stazione dei carabinieri di Tor Vergata, secondo quanto riferito dalla sorella dell'uomo aggredito. Il ragazzo è stato individuato e denunciato per lesioni personali aggravate dai carabinieri della Stazione di Tor Vergata. Il ragazzo che abita a Tor Bella Monaca, dove è avvenuta la violenza, è conosciuto alle forze dell'ordine.

«ZONA DIFFICILE» - «Tor Bella Monaca è sicuramente il quartiere più difficile di Roma, per il degrado sociale, ma anche per il degrado ambientale e urbanistico». Così risponde il sindaco della capitale Gianni Alemanno, a margine di una conferenza stampa sul bilancio di metà mandato, a chi lo interpella sull'episodio. «Il nostro obiettivo è una ricostruzione integrale di Tor Bella Monaca, insieme al piano di riqualificazione lanciato dalla Regione Lazio - sottolinea il sindaco - è fondamentale per dare un segnale lì e fare in modo che la stragrande maggioranza degli abitanti, che sono persone civili ed educate, possano realmente rimpossessarsi del loro quartiere».

corriere.it

Nessun commento: