martedì 29 giugno 2010

Rita Borsellino: ''Non e' pietra tombale trattativa''

Palermo. «Non vedo come la sentenza della Corte d'Appello che ha condannato a sette anni di reclusione il senatore Dell'Utri per concorso esterno in associazione mafiosa possa in qualche modo gettare una 'pietra tombalè sulla presunta trattativa tra Stato e Cosa nostra. Le stragi del '92 e del '93 restano un grave buco nero della storia di questo paese. La verità su quanto accaduto allora va cercata con forza, ma in sedi che non sono solo quelle del processo a Dell'Utri». Lo ha detto Rita Borsellino, commentando la sentenza della Corte d'Appello di Palermo. «Oggi dei giudici ci confermano che un senatore della Repubblica, nonchè l'uomo chiave nella costruzione di Forza Italia, è stato per trent'anni, anche nel periodo delle stragi, in stretto contatto con i boss mafiosi, - ha aggiunto - fornendo persino protezione (come nel caso di Mangano) e contribuendo così con forza al mantenimento e al rafforzamento di Cosa nostra. Sono queste le fondamenta su cui è nata Forza Italia. E su queste fondamenta poggia ancora il Pdl, il principale partito della maggioranza di governo». Per Borsellino: «Solo un paese con una democrazia atrofizzata può accettare a cuor leggero dei fatti di tale gravità. E solo una politica becera e collusa può festeggiare dinanzi a una sentenza del genere».

Nessun commento: