lunedì 21 giugno 2010

E' intimidazione a chi accende i riflettori sulle stragi

di Giuseppe Lumia

Il clima sulle stragi si fa sempre più avvelenato.
Si vogliono intimidire, in tutti i modi, collaboratori di giustizia, magistrati e anche giornalisti che cercano la verità.
A Silvia Resta va la mia solidarietà e il mio sostegno. Ignoti si sono introdotti nell’abitazione della giornalista di LA7 senza prelevare nulla e esponendo in massima evidenza un libro sul disastro aereo di Ustica e la locandina della presentazione di un recente libro-inchiesta della stessa Silvia Resta sulla strage mafiosa di via dei Georgofili (‘La bomba di Firenze - Fantacronaca delle stragi del ’93’).
Questo è soltanto l’ultimo di una serie di episodi di cui è stata oggetto la giornalista, sempre riconducibile alle sue inchieste sulle stragi di mafia ‘92/’93. Si tratta – aggiunge Lumia – di un fatto inquietante su cui gli inquirenti devono prestare la massima attenzione.
Silvia Resta svolge un lavoro prezioso perché consente di mantenere i riflettori accesi su una stagione della nostra Repubblica che necessita di verità e giustizia.

articolo21.org

Nessun commento: