domenica 21 marzo 2010

Maggiani Chelli: ''Gravissimo incontro Graviano-Schiavone, nostri timori realizzati'


Era prevedibile ed è successo! “Cosa nostra” socializza con la “camorra” fuori da 41 bis durante l’ora d’aria. Giuseppe Graviano, lo stragista di via dei Georgofili, parla liberamente con Francesco Schiavone, un capo Camorra degno di lui.
A nulla sono serviti i nostri richiami di disperazione quando fu deciso che i tre anni di isolamento diurno per Giuseppe Graviano erano finiti e che doveva tornare a socializzare per legge.
Si è parlato di tecnicismi e di regolare comportamento dei giudici davanti a regolare richiesta del legale del boss ma oggi risulta che i mafiosi parlano fra di loro e Dio solo lo sa cosa si dicono. Tremiamo al pensiero di ciò che hanno fatto ai nostri figli.
Allego, per conto dell’Associazione, il manifesto preparato a suo tempo per esporlo in via dei Georgofili. In seguito avevamo soprasseduto perché aspettavamo gli esiti dei nostri interventi di allarme e oggi, invece, il rischio è che qualcun altro in Italia, da un momento all’altro, possa soffrire ciò che abbiamo sofferto tutti noi. Perché invece di essere stati ascoltati siamo stati redarguiti.

Cordiali saluti

Giovanna Maggiani Chelli
Vice Presidente Portavoce
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili


Nessun commento: