mercoledì 24 marzo 2010

Graffio in volto per Berlusconi: "Troppo affetto"


«Il troppo affetto può essere pericoloso: salutando la folla ho subito un uppercut con un'unghia... porterò a Roma il sangue versato a Torino per la nostra vittoria...». Silvio Berlusconi, scherzando, ha spiegato così il leggero graffio poco sopra il mento da cui perdeva un po' di sangue, nel corso di un comizio al Lingotto di Torino.

La Stampa.it

Nessun commento: