giovedì 11 febbraio 2010

Per Guido feste a base di sesso

ROMA - L'imprenditore romano Diego Anemone, finito in manette per essere ritenuto il presunto corruttore del sottosegretario Guido Bertolaso e altri pubblici ufficiali per favoritismi negli appalti di alcune grandi opere, tra cui il G8 alla Maddalena, si era dato da fare per "organizzare una 'cosa megagalattica a base di sesso' in favore del Bertolaso". Lo scrive il gip nella sua ordinanza. Emergono così nuovi particolari sull'inchiesta che ha travolto i vertici della Protezione civile e le persone coinvolte negli appalti della Maddalena.

Secondo quanto ricostruito dal gip, il capo della Protezione civile avrebbe goduto di "prestazioni sessuali" presso il "centro benessere riconducibile all'Anemone". "Il tenore delle conversazioni intercettate non consente interpretazioni diverse", si legge nel provvedimento: a Bertolaso erano state messe a disposizione "prestazioni sessuali" presso il centro benessere in questione. "Un'occasione, peraltro, che verrà sfruttata dal Bertolaso solo in un momento successivo".

Nell'ordinanza si ribadisce che nel "centro benessere Salaria sport village, riconducibile alla stessa famiglia Anemone", Bertolaso usufruì "non solo di 'massaggi', ma anche di vere e proprie prestazioni sessuali", come proverebbero diverse conversazioni intercettate.

E proprio Diego Anemone verrà interrogato domani insieme ad Angelo Balducci, Mauro della Giovampaola e Fabio De Santis, tutti arrestati ieri nell'ambito dell'inchiesta della procura di firenze. De Santis, arrestato a Milano e assistito dall'avvocato Remo Pannan, sarà sentito per rogatoria nel capoluogo lombardo; Balducci (assistito da Franco Coppi e Gabriele Zanobini), della Giovampaola (assistito da Antonio Albano) e Anemone (assistito da Adriana Boscagli e Gianluca Riitana) saranno invece interrogati nel carcere di Regina Coeli a Roma dal gip fiorentino Rosario Lupo, che ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare.

repubblica.it

Nessun commento: