sabato 20 febbraio 2010

Ghedini scappa in libreria

"Dimissioni, dimissioni". Anche il popolo viola si ritrova davanti a Montecitorio per protestare contro il decreto Bertolaso, ma soprattutto per ricordare l'appuntamento del 27 febbraio in Piazza del Popolo contro il legittimo impedimento.
All'improvviso, proprio davanti al camper dove Antonio Di Pietro e Massimo Donadi hanno appena ricevuto la loro patente a punti viola (ogni volta che non si partecipa al voto sul tema viene decurtato il bonus iniziale), passa serafico l'onorevole Ghedini con il suo sorriso d'ordinanza.
Gli attivisti colgono al volo l'opportunità di chiarire il messaggio sfoderando il classico striscione: 'Legittimo un cazzo', riferito all'impedimento. L'avvocato mantiene l'aplomb e procede spedito, poi però rallenta per guardare in faccia i manifestanti, e quelli cantano più forte. L'onorevole decide quindi di riparare all'interno della libreria Arion insieme alla scorta.
Gira tra i volumi, sceglie e paga due Grisham: trentasei euro con lo sconto parlamentari. Fuori i contestatori non mollano. Ci sono anche i comitati campani anti-inceneritore: "Siete la monnezza della politica! Andatevene a casa".
Arriva la Polizia. Giulia Bongiorno, a fianco del collega, suggerisce una soluzione strategica: non c'è un'altra uscita? Il direttore del negozio scatta e guida il gruppetto giù per la scala di servizio, mentre fuori le gente continua col megafono a suon di "Ladri, a casa". Ma qualcuno s'accorge della fuga sotterranea: “Se n'è andato, dal retro. Non tengono vergogna questi".

il Fatto Quotidiano

Nessun commento: