mercoledì 2 dicembre 2009

Su Berlusconi i nuovi veleni di Ciancimino

Il figlio dell’ex sindaco di Palermo ai pm:
“Sentii parlare di soldi dei clan a Milano 2”

di Laura Anello

PALERMO - Un fiume di denaro dalla Sicilia a Milano per finanziare la Edilnord che costruì Milano 2. Un fiume di denaro che, secondo Massimo Ciancimino - interrogato ieri per tre ore a Caltanissetta - arrivava dalle casse di due costruttori mafiosi: Antonino Buscemi, morto in carcere mentre stava scontando una condanna, e Franco Bonura, condannato nel 2008 a venti anni.

Sarebbero stati loro, secondo il figlio dell'ex sindaco di Palermo, a «fare grossi investimenti nella Edilnord tra gli anni 70 e 80». Faccia a faccia cruciale, quello di ieri quella di ieri, in cui sette magistrati hanno passato ai raggi X i tre pizzini di Provenzano che Ciancimino aveva consegnato dieci giorni fa, tentando di datarli e chiedendo insistentemente chi fosse il senatore a cui si fa riferimento. Un senatore con cui il padrino di Corleone avrebbe avuto un'interlocuzione diretta per ottenere qualcosa che sembra fare riferimento a un'amnistia.

Ciancimino, pur dicendo di non avere la certezza assoluta, ha fatto il nome di Marcello Dell'Utri. Dichiarazioni che potrebbero far rileggere le inchieste degli anni scorsi, sempre archiviate, che chiamavano in causa Berlusconi e Dell'Utri come nuovi referenti della seconda trattativa avviata da Cosa Nostra, la quale chiedeva sconti di pena, revisioni di processi e altri vantaggi per interrompere le stragi dopo quelle di Firenze, Roma e Milano. Appunti che adesso vengono collegati anche alle recenti rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza, il quale ha riferito che dopo Capaci e via D'Amelio i fratelli Giuseppe e Filippo Graviano avevano «agganciato» Berlusconi e Dell' Utri.

Di fronte al figlio del sindaco-boss, sei magistrati della procura di Caltanissetta (il procuratore Sergio Lari, gli aggiunti Domenico Gozzo e Amedeo Bertone, i sostituti Nicolò Marino, Stefano Luciani e Giovanni Di Leo) e il pm Nino Di Matteo della procura di Palermo. Dall'altra parte un Ciancimino disponibile a rispondere a tutto. «Ho parlato di tutto e di più - ha detto all'uscita - non chiedetemi di che cosa perché tutti i verbali sono stati secretati. Posso soltanto dire che sono a completa disposizione dei magistrati, e che ci saranno nuovi interrogatori». Antonino Buscemi, considerato referente economico di Totò Riina e Bernardo Provenzano, fratello del boss Salvatore, fu la longa manus in Sicilia della Calcestruzzi di Raul Gardini: su di lui avevano indagato sia Giovanni Falcone che Paolo Borsellino.

Il nome dell'imprenditore mafioso era finito nel rapporto dei Ros, «Mafia ed Appalti», dove c'erano i nomi non soltanto dei mafiosi ma anche di tanti politici che con loro avrebbero fatto affari. Ma l'inchiesta non ebbe mai uno sbocco concreto. Quando il 23 luglio del' 93 si suicidò Gardini, i pm di Caltanissetta - che indagavano sulle stragi di Capaci e via D' Amelio - collegano l'episodio agli arresti di due mesi prima che portarono in carcere i vertici della Calcestruzzi in Sicilia. C'è poi, ancora da chiarire, la storia dell'assegno di cui Massimo Ciancimino parla al telefono con la sorella Luciana in una telefonata intercettata nel 2004.

«Digli che abbiamo un assegno suo, se lo vuole indietro...», chiedeva Massimo a Luciana, che stava andando a una manifestazione di Forza Italia alla quale avrebbe partecipato il premier. «Chi, il Berlusconi?», domandava lei ridendo. «Sì, ce l'abbiamo ancora nella vecchia carpetta di papà», rispondeva il fratello. Lei, incredula: «Ma che dici... Del Berlusca?». E lui: «Sì, di 35 milioni, se si può glielo diamo...».

da La Stampa.it

Nessun commento: