giovedì 6 agosto 2009

L' agenda rossa e la sentenza di Pilato

Palermo, 19 luglio 1992 - In primo piano
il capitano dei Carabinieri Giovanni Arcangioli

di Anna Petrozzi

Quattro paginette a conferma di un copione che appariva già scritto. Con poche spiegazioni, di carattere strettamente tecnico, lo scorso 17 febbraio, la Corte di Cassazione presieduta dal dottor Giovanni de Roberto ha respinto il ricorso presentato dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta contro la sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Giovanni Arcangioli.
L’ufficiale dei carabinieri era stato accusato di furto pluriaggravato nell’ambito delle indagini sull’agenda rossa di Paolo Borsellino, sparita misteriosamente appena pochi istanti dopo la deflagrazione di Via D’Amelio.

Per anni, nonostante la denuncia dei familiari, non si era riusciti ad individuare come e dove potesse essere stata sottratta quella preziosa agenda nella quale il giudice Borsellino annotava in gran riservatezza le sue intuizioni investigative, i suoi pensieri e forse anche quanto avrebbe voluto riferire all’autorità giudiziaria che investigava sulla morte di Falcone come lui stesso ebbe modo di rivelare pubblicamente durante il suo ultimo discorso pubblico alla biblioteca comunale di Palermo. Ma non fece in tempo.
Il magistrato era a conoscenza di delicati segreti, forse aveva capito chi e perché avrebbe ricavato vantaggio dalla morte del suo fraterno amico e dalla sua che sapeva imminente. Forse perché aveva parlato con la persona sbagliata che l’aveva tradito, forse perché i suoi nemici erano troppi e dappertutto. Sta di fatto che qualcuno sapeva dell’agenda, sapeva quale rischio potesse comportarne il ritrovamento e si premurò di prevenire il danno.
Per questo era fondamentale aprire un dibattimento che accertasse con precisione cosa accadde esattamente in quel maledetto pomeriggio del 19 luglio 1992. Occorreva che Arcangioli, ripreso con molta chiarezza dalle telecamere mentre si allontana con in mano la valigetta del giudice, chiarisse dove stava andando, dicesse quando aveva preso la borsa e venisse messo a confronto pubblico con gli altri testimoni che hanno invece smentito le sue dichiarazioni.
La Suprema Corte ha voluto accogliere con pienezza le già sufficientemente assurde ricostruzioni avanzate del Gip che si spingono a mettere in dubbio l’esistenza dell’agenda rossa perché nessuno dei testimoni, arrivati dopo che Arcangioli era entrato in possesso della borsa del giudice, dice di averla vista. Così facendo ha ignorato ancora una volta le testimonianze dirette dei familiari del giudice, la moglie e due dei tre figli, che si sono dichiarati certi che il congiunto l’avesse portata con sè.
Insomma piuttosto che muoversi per cercare di scoprire la verità su un documento fondamentale per comprendere almeno una parte dei moventi che possono aver condotto all’omicidio brutale di cinque fedeli e coraggiosi servitori dello Stato e dell’uomo simbolo di integrità e credibilità delle Istituzioni si ha la netta sensazione che si vogliano confondere le carte in tavola.
Di recente il pentito Angelo Fontana, visionando alcune immagini filmate, ha dichiarato di aver riconosciuto tra le lamiere accartocciate uomini dei servizi che erano abitualmente in contatto con Cosa Nostra. La sue parole così come quelle di Spatuzza hanno aperto nuovi scenari sulla strage di via D’Amelio. Forse ce lo dirà lui cosa ci faceva Arcangioli con la borsa del giudice, magari sa anche chi da quella valigetta ha sottratto l’agenda rossa.

Nessun commento: