sabato 28 febbraio 2009

Giulietto Chiesa - Europee 2009

Giulietto Chiesa è nato ad Acqui Terme (Al) il 4 settembre 1940.

Giornalista dal 1979, quando entrò a L'Unità come redattore ordinario. In precedenza aveva compiuto una lunga esperienza politica, prima come dirigente studentesco universitario, a Genova e in campo nazionale (Vice-presidente dell'Unione Goliardica Italiana), poi come dirigente nazionale della Federazione Giovanile Comunista Italiana (FGCI), infine come dirigente della Federazione genovese del Pci negli anni 1970-1979. Capogruppo per il Pci nel Consiglio Provinciale di Genova dal 1975 al 1979, quando lascia il funzionariato di partito e viene assunto da L'Unità, a Roma. Dal 1° ottobre 1980 al 1° settembre 1990 corrispondente da Mosca per L'Unità.
Nel 1989-1990 è "fellow" del “Wilson Center, Kennan Institute for Advanced Russian Studies”, di Washington. Nel 1990 entra alla Stampa, ancora come corrispondente da Mosca, e rimane in Russia fino alla fine del 2000.
Durante il periodo moscovita ha collaborato intensamente con Radio Liberty. Attualmente è editorialista e commentatore politico dello stesso giornale e anche notista e commentatore del Manifesto e di altri giornali, oltre che di diverse riviste italiane. Collabora con numerose riviste e giornali italiani, europei russi e americani. Ha lavorato per il Tg 5, Tg 1 e Tg 3. Collabora saltuariamente con Radio Svizzera Internazionale, con Radio Vaticana, con la BBC in lingua russa, i canali televisivi russi RTR e NTV e con Deutsche Welle. Collabora saltuariamente con La 7, con Rai News 24 e con diversi programmi RAI, tra cui Primo Piano della Rete 3. Ha tenuto una rubrica fissa mensile per Photo e da tre anni una sul mensile europeo Galatea.
In Russia ha tenuto per diversi anni una rubrica fissa sul settimanale dei circoli imprenditoriali Kompania. Ha scritto diversi libri, molti in tema di storia, cronaca e reportage sull'Unione Sovietica e sulla Russia.
Ha collaborato ripetutamente con la rivista di geopolitica, Limes.
Attualmente collabora stabilmente o saltuariamente anche con altri giornali russi e negli anni ha scritto diversi libri di politica nazionale ed internazionale. Nel 2004 Giulietto Chiesa è stato eletto al Parlamento Europeo nella Lista Di Pietro-Occhetto- Società civile. Successivamente, verificata l'incompatibilità tra la sua visione del mondo e quella di Di Pietro, ha abbandonato il gruppo parlamentare dei Liberali e Democratici, nel quale si era iscritto su richiesta di Di Pietro, e ha aderito come indipendente al gruppo del PSE. In Italia ha dato vita al Gruppo del Cantiere per il Bene Comune, insieme a Achille Occhetto, Paolo Sylos Labini, Elio Veltri, Antonello Falomi e Diego Novelli.
Nel 2007, in seguito alla creazione di Sinistra Democratica ha aderito al gruppo dI SD all'interno del PSE nel parlamento europeo, insieme a Claudio Fava, Pasqualina Napoletano, Giovanni Berlinguer e Achille Occhetto.
Nel 2007 due volumi sono usciti dal computer di Giulietto Chiesa : “Le Carceri segrete della Cia in Europa, scritto con due dei più stretti collaboratori, Francesco De Carlo e Giovanni Melogli. E “Zero. Perché la versione ufficiale sull'11 settembre è un falso”, un volume collettivo, curato insieme a un altro dei suoi collaboratori, Roberto Vignoli , al quale l'autore ha contribuito con l'introduzione e un ampio saggio di geopolitica intitolato “Europa, perché Marte ha sconfitto Venere”. Nell'ottobre 2007 il Festival Internazionale del cinema di Roma ha ospitato nella sezione documentari un film “Zero, inchiesta sull'11 settembre” realizzato da un gruppo di lavoro, promosso da Giulietto Chiesa , guidato da Paolo Jormi Bianchi, con la regia di Franco Fracassi e Francesco Trento. Il film è entrato in distribuzione all'inizio del 2008 ed ha ottenuto un ottimo successo di pubblico. Visto da milioni di telespettatori è stato tradotto in diverse lingue tra cui il francese, l'inglese, il russo e lo spagnolo.

Per le elezioni Europee è candidato in Lettonia per il nuovo partito “Per la difesa dei diritti umani in una Lettonia unita”.

Info: giuliettochiesa.it

Nessun commento: