lunedì 12 gennaio 2009

Boss Setola sfugge alla cattura scappando attraverso le fogne

segnalato da Paolo Ferro

CASERTA - Il superlatitante Giuseppe Setola, esponente di spicco del clan dei Casalesi, è sfuggito alla cattura. I carabinieri stavano per catturarlo a Trentola Ducenta, nell'hinterland casertano: ma il boss della camorra è riuscito a scappare attraverso un cunicolo che porta alle fogne, scavato sotto il suo covo.

Così, gli uomini dell'Arma hanno potuto fermare solo la moglie di Setola, portata nella caserma di Aversa per accertamenti. E hanno sequestrato quello che viene ritenuto il suo covo. Si trova in via San Giuseppe Cottolengo, nel centro del comune casertano, accanto alla chiesa: è un'abitazione all'interno di un cortile condominiale, composta da bagno camera e cucinino. La fuga è avvenuta attraverso una botola nel cortile che dà nella rete fognaria, botola occultata da una Mini Minor parcheggiata sopra.

Il nome di Giuseppe Setola compare sul sito internet del Vimiale. E' uno dei trenta latitanti "di massima pericolosità facenti parte del programma speciale di ricerca selezionati dal gruppo intervento interforze", si legge sulla pagina web del ministero dell'Interno. Questa è la sua scheda: "Giuseppe Setola, nato il 5 novembre 1970 a Santa Maria Capua Vetere è ricercato dal 2008 per associazione per delinquere di tipo mafioso, omicidio e altro". La sua foto compare accanto a quelle altri nomi eccellenti del crimine: da Vito Badalamenti a Matteo Messina Denaro, da Giovanni Strangio a Domenico Condello.

da repubblica.it

Nessun commento: