giovedì 13 novembre 2008

Governo: Sindacati? Meglio divisi

scritto da Dario Campolo


Ci dobbiamo abituare oramai a questo clima di insicurezza e opacitià visibile in tutti i settori ed ambienti che circondano il nostro paese, il governo in carica sta attuando un strategia di divisione non da poco, fate molta attenzione perchè questo passaggio è fondamentale per la storia del nostro paese così come per il futuro. Non era mai successo che i sindacati si dividessero sugli scioperi da fare, facciamo l'esempio di Bonanni segretario della CISL, secondo voi è normale che il nostro premier Berlusconi lo incontri da solo e subito dopo Bonanni dice che la Cisl non parteciperà allo sciopero generale sulla scuola proclamato per il 12 dicembre, secondo me NO!!! Ma il nostro premier è fatto così, ama dividere per creare problemi perché sa che tutto si può, basta saperci "fare".....
No comment, ma spero che gli iscritti della Cisl diano un segnale forte al proprio "segretario" Bonanni che ricordo, come già nella vicenda Alitalia fu il primo a firmare l'accordo senza neanche trattare come fece la CIGL ottenendo qualcosa in più che non si sarebbe ottenuta utilizzando il metodo Bonanni.

Il governo in carica ha una strategia molto precisa e sofisticatissima, creare divisioni in tutto e per tutto, solo così si potrà andar avanti nelle riforme, e allora mi chiedo se è utile cominciare ad organizzarsi e far capire al governo che noi ci siamo e sopratutto che non siamo in vendita, come ? scendendo in Piazza pacificamente e facendoci vedere, non lasciamo che il nostro paese si autodistrugga grazie a delle persone che non sono in grado di gestire la crisi mondiale ma che sono in grado a far quadrare i conti delle proprie aziende.

Nessun commento: